La nascita della CIIM

Le origini della Commissione Italiana per l’Insegnamento della Matematica (CIIM) sono legate alla creazione della International Commission on the Teaching of Mathematics che all’inizio degli anni cinquanta assunse il nome di International Commission on Mathematical Instruction (ICMI). Costituita nel 1908 a Roma durante il IV Congresso Internazionale dei Matematici, l’ICMI ebbe come primo presidente Felix Klein; ad essa aderirono 18 paesi da tutto il mondo e fra questi l’Italia, che per il suo ruolo nella ricerca scientifica internazionale, figurava fra i paesi di maggiore importanza ed ebbe così tre delegati: Guido Castelnuovo, Federigo Enriques e Giovanni Vailati. Le radici storiche della CIIM si possono rintracciare nella sottocommissione Italiana creata in quell’occasione.

Attualmente la CIIM è un sottocommissione permanente della Unione Matematica Italiana, ma come affermato nell’Articolo I del Regolamento continua “l’opera fin qui svolta dalla Commissione Italiana per l’Insegnamento della Matematica”. L’acronimo CIIM ora utilizzato fu introdotto nel 1963 e compare nello Statuto della vecchia Commissione, ancora legata all’ICMI.

Lo scopo di questa sezione è quello di delineare, attraverso documenti e immagini, la preistoria e la storia della CIIM evidenziandone le varie fasi, gli eventi più significativi (i congressi, le mozioni, ecc), i personaggi chiave, le interazioni con altri enti, e il ruolo nella politica scolastica italiana.

Open Close